OGMedica – Clinica di Medicina Estetica -Dr. Castorina

Occhi cadenti: i rimedi in Medicina Estetica

Occhi cadenti: i rimedi in Medicina Estetica

Gli “occhi cadenti” sono una delle imperfezioni più fastidiose. 

Il motivo? Lo sguardo rappresenta un aspetto fondamentale sul nostro viso, un cedimento delle palpebre e/o di tutta la zona perioculare, così come la comparsa di borse e occhiaie ci fa sicuramente apparire più stanchi e meno giovani.

La Medicina Estetica iniettiva del volto, ci offre delle soluzioni molto efficaci per restituirci uno sguardo giovane, con occhi più luminosi, più aperti e con la pelle ben distesa.

Prima di iniziare a parlare dei trattamenti mi sento di dare un consiglio:

Non lasciarti illudere dai patch occhi per sollevare le palpebre superiori o creme che tolgono le borse, non possono funzionare quando il sintomo è ben più avanzato.

I processi dell’età fanno apparire gli occhi più piccoli e spesso incappucciati in modo disuguale e disarmonico.

Il cambiamento avviene così gradualmente che ci si accorge della situazione solo quando diventa grave.

Invecchiamento Occhi

Invecchiamento degli occhi: quali sono le cause?

Le palpebre cadenti, le rughe e le borse sono una caratteristica che, prima o poi, presentiamo tutti.

La causa è da ricercare nell’invecchiamento.

Con il passare degli anni, infatti, il nostro organismo è sempre meno in grado di produrre acido ialuronico, uno dei componenti fondamentali del tessuto connettivo.

Possiamo immaginare l’acido ialuronico come una sorta di impalcatura che dona consistenza e turgidità ai tessuti.

Quando superiamo i quaranta, vi è un fisiologico calo della produzione dell’acido ialuronico, evento che provoca il cedimento dei tessuti.

La palpebra superiore cadente è uno dei primi effetti di questo processo e in questo articolo andremo a vedere come poter correggere questo inestetismo.

Occhio Cadente i Rimedi

Occhio cadente: i rimedi non chirurgici

Tra gli interventi più richiesti nel mio studio di Milano e Catania vi è proprio la correzione del cosiddetto occhio cadente.

A differenza di quello che si può pensare, questo problema non viene risolto solo tramite l’intervento chirurgico di blefaroplastica, anzi.

Le soluzioni non chirurgiche proposte dalla Medicina Estetica del volto, sono sempre più efficaci e offrono risultati che non hanno nulla da invidiare a quelli offerti dalla Chirurgia Plastica.

Il vantaggio di questi trattamenti sta non solo nella qualità dei risultati ottenuti ma anche in una netta riduzione dei rischi collegati all’intervento e nei tempi di recupero inferiori.

Botox, microbotox, Redensity II e Lifting Eye con CO2: i rimedi agli occhi cadenti in Medicina Estetica

Per fortuna la Medicina Estetica ha fatto passi da gigante e oggi offre soluzioni per tutelare la zona perioculare e curare l’invecchiamento delle palpebre superiori e inferiori, andando ad eliminare pelle in eccesso e borse.

Si tratta di un approccio multiplo, minimamente invasivo, che prevede un piano programmato per affrontare il disagio funzionale e il difetto strutturale delle palpebre pesanti, cadenti, e con dermatocalasi irregolare.

Il piano curativo per risolvere il problema degli occhi cadenti prevede l’uso combinato o anche singolo, in base alla gravità del difetto di:

  • Botox fronte e occhi;
  • Microbotox perioculare;
  • Filler Redensity 2, un gel iniettabile a base di acido ialuronico, specifico per il trattamento delle borse sotto gli occhi e delle occhiaie;
  • Lifting Eye con CO2 (Lasering) che appiana le rughe perioculari e compatta la lassità cutanea con effetto skin tightening.

L’unione di queste procedure di Medicina Estetica permette di ringiovanire la zona delicata degli occhi per raggiungere gradualmente un aspetto più fresco e uno sguardo più sveglio e riposato.

Palpebre Cadenti

1. Rassodare la palpebra superiore cadente: il botox fronte e occhi

Man mano che gli occhi invecchiano, le sopracciglia e le palpebre diventano più pesanti e cadenti, arrivando addirittura alla ptosi, la condizione in cui il margine superiore della palpebra può coprire  in parte o totalmente la pupilla.

Il cedimento della palpebra superiore è tra gli elementi che contribuisce maggiormente all’inestetismo dell’occhio cadente.

Tra i migliori trattamenti per correggere lo sguardo stanco e il cedimento delle palpebre abbiamo il botulino.

Il trattamento prevede iniezioni di tossina botulinica, una sostanza capace di bloccare i segnali chimici provenienti dai nervi e di rilassare i muscoli del viso che inducono alle rughe.

L’effetto finale del trattamento è quello di avere uno sguardo più rilassato e meno stanco.

2. Distendere le palpebre cadenti: il micro botox

Un altro trattamento che prevede l’utilizzo del botulino e che ha come effetto quello di rendere più distesi i tessuti perioculari è il microbotulino.

Il microbotox è una tecnica innovativa che prevede micro-iniezioni eseguite a livello superficiale.

In questo caso le iniezioni di botox non influenzano quindi i muscoli profondi, come nel caso che abbiamo visto sopra, ma quelli più superficiali, donando alla pelle e allo sguardo un aspetto più giovane e fresco.

Palpebre cadenti prima/dopo

Palpebre Cadenti Prima Dopo

Occhi Cadenti Prima Dopo

 

3. Borse sotto gli occhi e occhiaie: Filler Redensity 2

In alcuni soggetti il cedimento della palpebra superiore si associa alla presenza delle occhiaie nelle palpebre inferiori.

La combinazione di questi due inestetismi ha un forte impatto sul nostro viso, dandoci uno sguardo spento e stanco.

Per contrastare borse e occhiaie la tecnica più indicata è con il Filler Redensity 2, un gel viscoelastico iniettabile formulato per offrire la massima idratazione alla zona perioculare con la conseguente rigenerazione e protezione delle cellule del derma.

Il risultato? Uno sguardo più giovane e luminoso.

Redensity II prima/dopo

Redensity 2 Prima Dopo

3. Lifting Eye con CO2 per le rughe perioculari, elasticizza e compatta la lassità cutanea

Nei mesi invernali, una delle procedure che preferisco fare per trattare la lassità della pelle palpebrale superiore e inferiore, è il laser CO2.

Questo laser aiuta a rassodare la pelle in generale e in particolare risulta meraviglioso per la pelle sottile e lassa intorno agli occhi e per le rughe perioculari.

Il motivo per cui la tecnologia del laser CO2 è così amata è che nessun altro laser può restringere la pelle intorno agli occhi come un CO2.

I pazienti, per cui è indicato, sono quelli che si presentano alla nostra clinica con le palpebre cadenti (dermatocalasi), desiderosi di conoscere quali opzioni sono disponibili oltre alla chirurgia.

Tra le diverse procedure per ringiovanire lo sguardo, il laser CO2 è indicato per quelle palpebre in cui la pelle è sottile, in eccesso e tende ad incappucciare l’occhio.

Con il laser Co2 si vaporizza l’area perioculare, andando a creare un reticolo alternato.

Dalle zone non colpite dal laser si innescherà un processo rigenerativo che andrà a risanare più velocemente i tessuti colpiti.

Questo trattamento è specifico proprio per il ringiovanimento del viso e, effettuato sulle palpebre cadenti, ha la capacità di contrarre la cute creando uno skin tightening andando ad aprire lo sguardo, senza intervento chirurgico, con un post-intervento di qualche giorno, ed inoltre con un costo molto inferiore.

Laser CO2 post- intervento e durata del risultato

La procedura con laser CO2 ha sicuramente un post-intervento di circa 4-5 giorni in cui la pelle appare più scura e le palpebre più gonfie (edema).

Il gonfiore delle palpebre è forse più marcato la mattina dopo il laser ma migliora durante il giorno. Per fortuna i pazienti possono tornare a truccarsi dopo le 24 h.

È importante mantenere l’area idratata per una corretta guarigione, ed indossare la protezione solare dopo le procedure laser.

Quando consideri un laser CO2 per gli occhi, ricorda che gli effetti potranno richiedere fino a 8 settimane per essere risolti e visibili, quindi è bene pianificare di conseguenza.

CO2 blefaro skin tightening prima/dopo

Ecco il prima/dopo di una paziente che dopo 2 mesi con 2 sedute di laser CO2 agli occhi presenta una pelle più distesa e con una palpebra superiore che non si abbassa più nel suo campo visivo.

Laser CO2 Skin Tightening

Conclusioni

I trattamenti visti sopra sono tutti dei validi alleati.

Alcuni possono anche essere combinati tra di loro per ottenere un risultato che si adegui perfettamente al paziente.

Per scoprire quale sia il trattamento più adatto a te prenota la tua consulenza personalizzata e concorderemo insieme i trattamenti più adatti alla tua situazione.

Milena Castorina, medico estetico a Catania e Milano

L’articolo ti è sembrato interessante? Lascia un tuo commento sulla nostra pagina Facebook

×

Carrello