OGMedica – Clinica di Medicina Estetica -Dr. Castorina

Nutrizione

Dieta clinica - Alimentarsi correttamente per alimentare la propria autostima.

«La mia professione richiede un’alta preparazione scientifica e un aggiornamento medico costante. Ma non basta. Bisogna avere un talento speciale nel saper interpretare, tutelare e valorizzare, quella preziosa opera d’arte che è la fisionomia di ognuno»
Dott.ssa Milena Castorina

| OGMedica - Clinica di Medicina Estetica -Dr. Castorina Nutrizione

Benefici Dieta Clinica

I trattamenti medico/estetici del viso o del corpo dovrebbero essere sempre affiancati da un corretto stile di vita e da un’adeguata alimentazione che, migliorando lo stato di salute generale, consentano di ottimizzare i risultati e di renderli più duraturi nel tempo. È utile, perciò, valutare la composizione corporea mediante Bioimpedenziometria (BIA o Analisi della Impedenza Bioelettrica) che, rilevando la massa magra, la massa grassa, la massa metabolicamente attiva, i liquidi interstiziali e lo stato di idratazione corporea, permette di identificare eventuali protocolli dietoterapici personalizzati necessari per ottenere l’optimum dei risultati dai trattamenti viso/corpo. Ritengo che ogni paziente sia un individuo unico e complesso: solo con un percorso di ascolto mirato al benessere della persona, il medico estetico può mettere a punto soluzioni attendibili e capaci di dare risultati duraturi.

Nel caso in cui si renda necessario intervenire in modo deciso per ottenere risultati di dimagrimento e rimodellamento in tempi non troppo lunghi, la dieta proteica può rappresentare una strategia efficace.

................

Questo regime alimentare è in grado di ridurre i tessuti di tipo adiposo preservando sia la massa muscolare che il trofismo della pelle,  organo che invece in genere risente di perdite di peso troppo repentine.Per il raggiungimento e il mantenimento dei risultati è importante in ogni caso che sia il medico esperto in medicina nutrizionale a supervisionare ritmi e modalità del dimagrimento, con una costante valutazione delle condizioni di salute complessive del paziente.

Sta di fatto che:

L’obesità è una malattia cronica (WHO, 1997) e come tale va trattata, come uno stato morboso per il quale non esiste il termine “guarigione” ma solamente il controllo del sintomo.

Per questi pazienti sarà necessario utilizzare specifiche strategie di follow-up.