OGMedica-Dott.ssa Milena Castorina

Mesoterapia

La cura che riattiva il microcircolo e disattiva cellulite, adiposità localizzate e lassita’

Cos'è

È una delle poche tecniche i cui effetti contro la cellulite e le adiposità localizzate sono scientificamente comprovati.
La mesoterapia, o intradermoterapia distrettuale, è una particolare tecnica iniettiva, molto apprezzata in campo medico/estetico. Attraverso aghi sottili vengono iniettati nel mesoderma piccole dosi di sostanze attive. La loro azione tende ad eliminare il ristagno dei liquidi nei tessuti cutanei e sottocutanei: motivo che l’ha resa celebre nel trattamento della cellulite, delle adiposità localizzate.
L’iniezione intradermica consente di inoculare al paziente piccole quantità di farmaci: i principi attivi giungono direttamente in sede, persistendo per il tempo necessario a svolgere al meglio la loro attività terapeutica. Ovviamente la mesoterapia non può essere utilizzata per ogni forma patologica.
E’ indicata solo per quelle che rispondono positivamente ad un trattamento intradermico su addome, fianchi, glutei, gambe, braccia.
Il medico esegue la diagnosi e, sulla base di questa, stabilisce il cocktail di farmaci più adatti da inoculare.
In base ai farmaci impiegati, i principali benefici che si attivano con la mesoterapia sono: un’azione lipolilitica, dimagrante, flebotonica, drenante, fibrinolitica o anti-aging.

-----

Quali inestetismi riduce??
● cellulite Il e III grado
● adiposità localizzate
● edemi, gonfiore e ritenzione idrica
● lassita’ cutanee
Una sola seduta non è quasi mai sufficiente per ottenere risultati adeguati: generalmente il paziente si deve sottoporre ad un ciclo di sedute di mesoterapia.
Per funzionare sono necessari cicli da 8/12sedute, due volte l’anno.
I benefici perdurano x circa 6 mesi.
I trattamenti devono essere praticati esclusivamente da medici competenti.
Le estetiste e i centri estetici, quindi, non sono autorizzati a proporre questo genere di terapie.

Gli Effetti

| OGMedica-Dott.ssa Milena Castorina Mesoterapia
l trattamento favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso, il miglioramento dell’attività vascolare e capillare, la tonicità ed elasticità dei tessuti. Il suo effetto “urto” sui problemi di funzionalità circolatorie e linfatiche sarà migliorato e massimizzato se associato ad altre terapie, come Endermologie, e la terapia alimentare. Queste, insieme a un corretto stile di vita saranno indispensabili per intervenire sia nei casi di cellulite più “profonda” che nei casi di sovrappeso di maggiore entità.
  • Durata
  • Modalità del trattamneto
  • Anestesia
  • Precauzioni prima e dopo il trattamento
  • Terapia a domicilio
  • Ritorno alla vita sociale e attività fisica
  • Mantenimento del risultato
  • Costi

Non esiste una durata standard del trattamento mesoterapico: è però possibile suggerire che, in linea di massima, un ciclo completo comprende dalle 8 alle 12 sedute della durata di circa 15-20 minuti ciascuna. Le sedute hanno una cadenza bisettimanale.

Per prolungare nel tempo gli effetti benefici ottenuti dalla terapia, è possibile sottoporsi, dopo il termine del ciclo, ad una sessione al mese. I benefici perdurano x circa 6 mesi.

La mesoterapia è una terapia iniettiva intradermica: attraverso l’utilizzo di appositi piccoli aghi, della lunghezza di pochi millimetri, si somministrano al paziente farmaci in grado di risolvere il disturbo. I farmaci raggiungono il mesoderma, lo strato medio-profondo della pelle.

Viene aggiunta al cocktail di farmaci per alleviare il piccolo fastidio.

La mesoterapia è controindicata in caso di gravidanza e allattamento, in presenza di patologie oncologiche o in pazienti che seguono una terapia con anticoagulanti orali.

Evitare l’uso dei FANS

Evitare di sottoporsi prima o durante il ciclo

Sospendere gli scoagulanti 1 settimana prima.

Si può tornare alle normali attività da subito.

Per prolungare nel tempo gli effetti benefici ottenuti dalla terapia, è possibile sottoporsi, dopo il termine del ciclo, ad una seduta al mese. Effettuare almeno 2 cicli l’anno

Il costo è variabile in rapporto al numero di sedute alla competenza del medico.