OGMedica – Clinica di Medicina Estetica -Dr. Castorina

Danni da filler: le cause e i rimedi di un filler fatto male

Danni da filler: le cause e i rimedi di un filler fatto male

Con l’avanzare dell’età è inevitabile che la nostra pelle perda tono mostrando antiestetiche rughe e avvallamenti da cedimento sul viso. Il risultato? Uno sguardo stanco e appesantito che inevitabilmente ci fa apparire più invecchiati.

Ma a cosa è dovuta questa perdita di tono? La risposta sta nella sempre minor produzione di collagene e acido ialuronico.

Entrambi giocano un ruolo importantissimo nella composizione del tessuto connettivo.

Possiamo considerarli come una sorta di struttura che svolge un ruolo fondamentale, rendendo la pelle turgida ed elastica.

Purtroppo, più si va avanti con l’età, minore sarà la loro produzione, motivo per cui dopo i 35/40 anni dobbiamo fare i conti con le prime rughette e i primi cedimenti.

Danni Filler Acido Ialuronico

Acido ialuronico e filler

Sono tantissimi coloro che al primo segno di invecchiamento si rivolgono a un medico estetico iniettore, cercando di cancellare i segni del tempo.

Qual è il miglior modo di intervenire in questi casi?

Quando il nostro organismo non è più in grado di produrre acido ialuronico, possiamo dargli una mano iniettandolo in quei punti dove è particolarmente carente.

Infatti, quello che viene genericamente chiamato filler non è altro che un dispositivo medico a base di acido ialuronico.

Tale sostanza, nelle mani di un Medico Estetico esperto iniettore, diventa uno strumento formidabile, in grado di ridonare al nostro viso freschezza e giovinezza.

Grazie ai filler si è in grado di rimodellare e riposizionare i tessuti molli sottocutanei su aree del viso che appaiono “sgonfie”.

I filler a base di acido ialuronico, in quanto costituiti da una sostanza biologica, sono molto ben tollerati dal nostro organismo.

Assodato che non è il filler a gonfiare i volti, ma sono la malpractice medica, la poca competenza ed esperienza e la mancanza d’occhio del medico, che per correggere una ruga o per sollevare uno zigomo inietta più filler del dovuto, con un risultato finale che fa assumere al viso un aspetto gonfio.

Danni Filler Labbra

 

Gonfiore dopo filler: labbra e zigomi dall’aspetto innaturale

L’aspetto gonfio e alterato dei tanti volti che si vedono in giro, come detto, è il risultato di errori chirurgici, che dipendono dalla incapacità di correggere, ma senza appesantire i lineamenti.

Quello che potremmo comunemente definire un “filler fatto male” si traduce in visi gonfi e innaturali che talvolta assumono aspetti grotteschi.

In questi casi si parla non di gonfiore transitorio post filler all’acido ialuronico, che si riassorbe nel giro di qualche ora, ma di gonfiore permanente.

Ciò succede perché medici inesperti o guidati dal semplice desiderio di guadagnare a tutti i costi assecondano richieste esagerate, dettate spesso da mode passeggere, senza seguire reali criteri.

Spesso, infatti, guardandosi allo specchio e vedendo un viso scarno, si pensa che la soluzione per migliorarne l’aspetto sia “gonfiarlo”.

Eseguire bene un filler significa ridonare il giusto volume e non aggiungere, in modo quasi spasmodico, per ottenere labbra a canotto, zigomi esageratamente sporgenti o arcate sopraccigliari eccessivamente alzate.

Generalmente i pazienti hanno aspettative semplici e non sanno cosa si può realmente ottenere con il buonsenso e il buongusto, è compito del Medico Estetico guidarli in modo tale da non andare a stravolgere i lineamenti, ma mantenendo la naturale armonia delle proporzioni del volto, che sono uniche e peculiari in ognuno di noi.

Una cosa deve essere chiara quando si parla di filler: riempire nei punti giusti non vuol dire “gonfiare”, ma correggere e sorreggere, ricercando le personali armonie naturali ed eleganti.

Ialuronidasi Danni da Filler

Ialuronidasi per danni da filler

I danni da filler, solitamente estetici, possono comportare conseguenze più severe come, ad esempio, la congestione venosa.

In questi casi i tessuti dell’area interessata iniziano a gonfiarsi e ad assumere un colore bluastro.

La procedura più indicata in queste situazioni è l’uso della ialuronidasi per trattare danni più o meno importanti da filler.

Il metodo consiste nell’iniettare un enzima (Ialuronidasi) in grado di sciogliere l’acido ialuronico e rimuoverlo.

Filler permanenti e semi-permanenti

Fino ad ora abbiamo parlato di danni da filler riassorbibili causati dall’acido ialuronico.

Tenendo presente che l’acido ialuronico è una sostanza molto ben tollerata dal nostro organismo e che i danni causati da un filler riassorbibile, ma fatto male, sono reversibili.

Un discorso ben diverso va fatto quando si parla di filler permanenti o semi-permanenti.

A differenza dei filler contenenti acido ialuronico, i filler permanenti non sono riassorbibili quindi, nel momento in cui la procedura viene eseguita male, la risoluzione sarà molto più complessa e non è detto che sia priva di strascichi.

Va poi ricordato che dal 1992 il silicone liquido è proibito per legge; purtroppo, ancora oggi, “medici” senza scrupoli o, ancora peggio, personale non qualificato, propongono questo tipo di filler anche grazie ai costi contenuti.

Il mio consiglio, di fronte a una proposta di filler a base di silicone, è quello di scappare a gambe levate. I prezzi bassi non possono mai essere un buon motivo per accettare questi tipi di compromessi sul viso.

I danni da filler nei volti delle star

I danni da filler eseguito male sono ben visibili sui visi di star come Madonna, Nicole Kidman e Janice Dickinson, tutte vittime di un’iniezione in eccesso.

Negli ultimi anni sempre più pazienti si rivolgono a me per correggere visi gonfi e appesantiti da troppi filler con il desiderio di rimuoverli.

Il mio consiglio per evitare di ritrovarsi con la faccia detta “a cuscino”, ma allo stesso tempo non rinunciare a combattere l’invecchiamento, è prestare particolare attenzione alla competenza delle tecniche iniettive e al buon gusto del Vostro Specialista, fondamenti per potersi fidare e affidare.

Milena Castorina, medico estetico a Catania e Milano

L’articolo ti è sembrato interessante? Lascia un tuo commento sulla nostra pagina Facebook

×

Carrello